Rete Rurale Nazionale: i primi risultati nel settore bio in un evento a Roma

Appuntamento a Roma per la presentazione dei primi risultati delle attività della Rete Rurale Nazionale (RRN) con riferimento all’agricoltura biologica. Il seminario, che si terrà il 14 dicembre presso l’hotel Radisson, sarà l’occasione per fare il punto su quanto fatto finora nell’ambito del programma 2014-2020.

All’appuntamento parteciperanno rappresentanti delle istituzioni e membri dei centri di ricerca del settore. L’evento si svolgerà con il patrocinio del Mipaaf, il Ministero delle politiche agricole, del Crea, Consiglio per la ricerca in agricoltura, dell’Ismea, Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare, e l’Unione Europea.

I risultati della Rete Rurale nel settore bio: il programma in dettaglio

Nelle intenzioni dei proponenti, il seminario di mercoledì 14 dicembre sarà l’occasione per fare il punto sul primo anno di operatività della Rete Rurale Nazionale 2014-2020. Un programma nel quale le attività in tema di agricoltura biologica hanno intrapreso due direzioni fondamentali:

  • La verifica dei possibili effetti delle politiche sul territorio
  • Il miglioramento della comunicazione e dell’informazione, atto a favorire la conversione al bio delle aziende, agevolando al contempo la loro gestione, grazie alla diffusione di programmi innovativi e best practice.

Pur trattandosi di risultati preliminariscrivono gli organizzatori “si ritiene utile un confronto con le istituzioni e gli stakeholder su quanto finora realizzato. In questo modo sarà possibile indirizzare le attività future, rendendole più coerenti con le aspettative e i fabbisogni dei responsabili delle politiche e degli attori del settore biologico”.

Il programma sarà coordinato in questo modo.

L’appuntamento è per le ore 9, con la registrazione dei partecipanti, una sessione plenaria e l’apertura dei lavori da parte di Emilio Gatto, in rappresentanza del Mipaaf.

Alle ore 9:45 i rappresentanti della RRN di Molise, Pierluigi Milone, e Lazio, Guido Bronchini, relazioneranno sulle “Strategie regionali per l’agricoltura biologica”.

A seguire, a partire dalle 10:00, si terranno due sessioni parallele, che riguarderanno due diversi ambiti del primo biennio di programmazione della RRN.

Il primo tavolo tematico sarà su “Agricoltura biologica e territorio”. Parteciperanno Riccardo Meo (Ismea) che relazionerà su “Pagamenti e sistemi sanzionatori”, Alessandra Vaccaro (Crea) su “L’agricoltura sostenibile nei PSR”, Andrea Arzeni (Crea) su “Pagamenti e sostenibilità”, e Alberto Sturla (Crea) sui “Bio-Distretti”. Modera Laura Viganò del Crea.

Il secondo tavolo tematico riguarderà invece “L’informazione e la comunicazione in agricoltura biologica”. Parteciperanno Francesco Giardina (Ismea) con un intervento intitolato “Verso la conversione”, Antonella Giuliano (Ismea) su “Le vetrine delle aziende di successo, e Corrado Ciaccia (Crea) su “Video e divulgazione tecnica”. Modera Francesco Giardina di Ismea.

A entrambi i panel seguirà dibattito.

Alle ore 12, verranno illustrate le conclusioni e i feedback giunti durante lo svolgimento dei due tavoli tematici. Relazioneranno i due moderatori Laura Viganò e Francesco Giardina.

Le conclusioni, alle ore 12:50, saranno affidate a Roberta Cafiero del Mipaaf.

Rete Rurale Nazionale: il programma di sviluppo delle aree rurali

La RRN è un programma di sviluppo con cui l’Italia partecipa alle attività europee (RRE: Rete Rurale Europea) di più ampio respiro. L’obiettivo della Rete è di accompagnare e integrare tutte le attività legate allo sviluppo delle aree rurali. Questo è avvenuto fino a pochi anni fa con il programma 2007-2013 ed è ancora in atto con il programma 20014-2020.

Gli obiettivi della RRN sono molteplici.

Innanzitutto si punta a supportare le politiche di sviluppo nelle aree agricole del Paese. Ci sono poi interventi dedicati allo scambio di esperienze e conoscenze tra operatori del settore, istituzioni e soggetti diversi che operano e vivono nelle aree rurali.

Le linee di intervento della Rete Rurale sono tre:

  • Miglioramento della governance
  • Rafforzamento delle capacità progettuali e gestionali
  • Diffusione delle buone prassi e delle conoscenze

FONTI:

http://www.feder.bio/agenda.php?nid=1101

http://www.feder.bio/files/1822.pdf

http://www.reterurale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/13

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

10 + diciannove =